Parc Güell: storia e segreti del più bel parco di Barcellona

Pauline
Rédigé da .

Ultimo aggiornamento il 19 luglio, 2018. 0 commenti

Avrete sicuramente sentito parlare del Parc Güell, ma conoscete la sua storia? Scoprite tutti i suoi segreti svelati in questo articolo.

Parc Güell storia

Il Parc Güell, che vedrete scritto anche con la grafia Park Güell, fa parte del Patrimonio mondiale dell’UNESCO. È uno dei simboli di Barcellona e si capisce subito perché quando si entra in questo luogo fuori dal comune, frutto del genio folle e creativo di Gaudí! Scoprite con noi il Parc Güell, la sua storia e i suoi segreti!

Parc Güell, storia e segreti: un progetto ambizioso ma incompiuto

Una residenza riservata alla borghesia

Il Parc Güell è nato dalla collaborazione tra l’architetto Gaudí e il suo mecenate Eusebi Güell. L’idea di partenza è stata quella di costruire una villa-giardino con delle belle case, dei padiglioni d’entrata, un mercato, una scuola e una cappella. Secondo quanto previsto dal progetto, le infrastrutture non dovevano essere preponderanti rispetti agli spazi verdi.

Il Parc Güell era stato concepito come una residenza chiusa e controllata, riservata alle classi agiate.

 Parc Güell storia e segreti foto bianco e nero

L’abbandono del progetto

Il progetto di Güell e Gaudí, purtroppo, non incontrò il successo sperato. I ricchi catalani ritenevano il quartiere troppo poco urbanizzato e troppo decentrato (se è lontano dal centro ancora oggi nonostante l’estensione della città, immaginate quanto lo fosse ai primi del ‘900!).

I lavori, per questo motivo, si fermarono nel 1914 e il parco è rimasto così come lo conoscete oggi. Sulle 60 case previste, ne sono state costruite solo due: la Casa Larrard per Eusebi Güell e una casa-campione acquistata da Gaudí.

Nel 1922, la città di Barcellona ha riacquistato l’intero complesso e l’ha trasformato in un parco pubblico.

 Parc Güell storia e segreti panchina in bianco e nero

Parc Güell, storia e segreti: un paradiso terrestre

Il grande pubblico può quindi scoprire la magnificenza di questo parco fuori dal comune. Ci sono diversi ingressi.

  • Vi consigliamo di entrare dal cancello principale, ovvero la porta sud. Secondo Gaudí, quest’entrata al Parc Güell è in realtà un’allegoria dell’arrivo in paradiso: qui si trovano fontane, creature fantastiche (la famosa salamandra a mosaico) e scalini che indicano la salita verso il cielo.

Qui regna un universo onirico in perfetta armonia con la natura circostante. Tutto è trasfigurato: le linee dritte si trasformano in curve danzanti, tutto è inclinato, colorato, ondulato, magico!

Parc Güell storia e segreti: l’inno alla natura

L’importanza dei colori

Tutta l’opera di Gaudí fa riferimento alla natura e il Parc Güell non fa eccezione. Questa citazione dell’architetto vi permettera di comprendere il suo universo colorato:

“L’ornamento è stato, è e sempre sarà colorato. La Natura non presenta mai gli oggetti in maniera uniforme. Tutto nella vegetazione, nel regno animale e minerale comporta un contrasto di colori più o meno accesi. È per questo che noi, anche noi, dobbiamo necessariamente colorare, in parte o per intero, i diversi elementi architettonici, di cui potrà forse sparire il colore, ma che le grinfie del tempo si cureranno di ricoprire con quella patina originale e preziosa dell’antichità”.

 

Copiare la natura senza imitarla

Gaudí si è ispirato ai colori e alle forme della natura, ma le ha trasformate a suo modo.

Al Parc Güell potrete vedere dei sentieri ondulati come fiumi, foglie di palma intagliate nei portoni in ferro battuto, colonne in pietra somiglianti a corteccia d’albero… A voi il compito di trovare tutti i piccoli dettagli che Gaudí ha disseminato per il parco!

Il rispetto del terreno

Gaudí ha anche tenuto conto delle difficoltà del terreno. L’importante dislivello ha permesso a Gaudí di immaginare una sorta di ascensione spirituale che fa eco a quella della collina, fino ad arrivare a una cappella costruita nel punto più alto del parco.

Allo stesso modo, gli archi e i viadotti del parco assomigliano a delle grotte e sono stati concepiti per rispettare la memoria del luogo, in cui durante i lavori furono scoperti dei resti preistorici.

Un parco simbolista

Il parco è anche ricco di simboli politici e religiosi cari al suo ideatore.

Anche i paesi catalani sono rappresentati sulle fontane della scalinata principale. Una delle fontane è ornata con l’emblema della Catalogna e un serpente, simbolo della medicina, ma anche del serpente di ottone, usato da Mosè durante la fuga dall’Egitto.

Su un’altra fontana, la salamandra rappresenta invece la città di Nimes, città in cui crebbe Eusebi Güell. Il celebre animale è sistemato su una base in ceramica gialla e rossa, i colori della Catalogna.

Barcelona City Pass

  • Biglietti saltafila: Sagrada Familia + Parc Güell
  • Aerobus, autobus turistico…
  • %20 a Casa Batlló, Museo Picasso, Fondazione Miró e molti altri!
Barcelona City PassBarcelona City Pass

Quest’articolo ti è piaciuto?

Clicca qui!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars

5,00/5 - 3 voto / voti

Loading...

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Il nostro modulo per commenti memorizza il vostro nome e la vostra email in modo che possiamo rispondere al vostro commento e inviarvi notifiche quando riceve risposte (se avete optato per ricevere le notifiche). I vostri dati non saranno condivisi o archiviati con terzi e non saranno aggiunti a nessun elenco. Per ulteriori informazioni, potete leggere la nostra Privacy Policy.

  • Responsable: Anakena Internet Services, S.L.
  • Finalità: Gestionare i commenti e inviare notifiche automatiche via email in caso di risposta.
  • Legittimizzazione: Consenso esplicito dell’interessato.
  • Destinatari: I dati non saranno condivisi con terzi, salvo obbligo giuridico o esplicita autorizzazione.
  • Diritti: Diritto di accesso, rettifica, cancellazione, limitazione, portabilità e diritto all’oblio.

Il nostro modulo di contatto invia il vostro nome, email e altri dati forniti al nostro team di supporto in modo che possiamo rispondere alle vostre richieste o mettervi in contatto con i nostri partner specializzati che forniscono il servizio che cercate. I vostri dati non saranno condivisi o archiviati con terzi (eccetto i partner specializzati) e non saranno aggiunti a nessun elenco. Per ulteriori informazioni, potete leggere la nostra Privacy Policy.

  • Finalità: Supporto e contatto con partner specializzati.

A proposito dell'autore

Pauline

Pauline è una letterata curiosa e amante della cucina. Per scrivere i suoi articoli ama scovare i posti più originali e autentici che sedurranno i vostri occhi e le vostre papille. Cosa preferisce a Barcellona? Perdersi nella città antica e inebriarsi con la sua atmosfera magica... o con i profumi dei buoni piatti preparati nelle cucine. Un vero piacere!