La cucina fusion del Somodó: tanta Catalogna con una spolveratina di Giappone

Pubblicato da nella categoria Mangiare e bere, Ristoranti. Ultimo aggiornamento il 18 maggio, 2017. 0 commenti

Se vi piacciono le esperienze culinarie originali, allacciate le cinture: i sapori delicati del Somodó vi faranno toccare il cielo con un dito!

dessert Somodó
Dove?

Gràcia
metro Fontana
Ros de Olano 11

Quando?

dal martedì al sabato
dalle 13:30 alle 15:15 e dalle 21:00 alle 23:00

Quanto?

menù degustazione a meno di 30 euro

Perché?

per la sua cucina fresca e di qualità

Telefono:

Prenotazione necessaria

In una stradina del quartiere di Gràcia si nasconde Somodó: un ristorante in cui sapori mediterranei e nipponici vanno a nozze.

Dal 1979, il proprietario del Somodó, Shojiro Ochi, porta a Barcellona piatti ispirati alla cucina locale. Ma sono le sue origini giapponesi a distinguerlo dagli altri chef della città e sono ciò che gli permette di aggiungere con estrema maestria delicate sfumature nipponiche alla cucina mediterranea che prepara ogni giorno nella sua cucina.

Siamo appassionati di queste due cucine e abbiamo provato il menù fisso della cena. Risultato: un piacere per il nostro palato dall’inizio alla fine del pasto!

I segreti della cucina del Somodó

Prodotti freschi e di qualità

Shojiro è conosciuto con il nomignolo di “lupo bianco” al mercato della Boquería. Va lì ogni giorno, dal martedì al sabato per acquistare pesce, carne, frutta e verdura di prima qualità. Non vuole nemmeno sentire parlare di intermediari! È motivo di grande orgoglio per lui scegliere personalmente tutti gli ingredienti necessari per la sua cucina fusion.

Una coppia di chef talentuosi

Toshi, lo chef che aiuta Shojiro in cucina, ha imparato il mestiere a New York. La sua esperienza e la sua creatività, unite a quelle di Shojiro, creano piacevolissime sorprese nei piatti del Somodó.

Da questo sodalizio è nato anche il nuovo nome del ristorante, prima chiamato Shojiro. Somodó è una contrazione di “somos dos”, che significa “siamo due” in spagnolo. Semplice e geniale!

I menù del Somodó

Non aspettatevi un menù tradizionale! Qui varia a seconda delle stagioni e dell’ispirazione degli chef. Fidatevi della loro creatività: sorprese assicurate!

Il menù fisso a pranzo

A circa 20 euro (vino e caffè inclusi) potrete ordinare un antipasto dalle dimensioni di una tapa, seguita da un secondo antipasto fisso e un piatto principale a scelta tra carne o pesce. In seguito, un dolce a scelta (difficilissima!) tra due.

I menù degustazione a cena

Shojiro ve li presenterà personalmente. I piatti sono disponibili in due versioni, una più leggera dell’altra.

Per circa 30 o 35 euro (bevande e tasse non incluse), potrete assaggiare due o tre antipasti. Seguirà un piatto principale a scelta, come per il menù fisso del pranzo, a base di carne o pesce, Infine, dolce a base di formaggio, pre-dolce e dolce! Eh sì, sono tanti dolci (sorrisino soddisfatto) ma non siamo tipi da lamentarci (sospiro di soddisfazione).

Per farvi venire l’acquolina in bocca, ecco un’anteprima di alcuni piatti che abbiamo gustato durante la nostra visita al Somodó. Abbiamo un bellissimo ricordo di questa serata dalle piacevoli sensazioni legate all’abbinamento armonioso dei sapori e all’originalità dei piatti.

Se siete dei buongustai e/o famelici, le immagini a seguire potrebbero essere troppo per voi. Attenzione agli svenimenti: noi stessi non saremmo capaci di reggere! 😉

somodo aperitivo

uovo somodo

somodo dolce

somodo dolce

Informazioni pratiche

  • Antico negozio di tessuti trasformato in ristorante, il Somodó può accogliere solo 19 persone. È quindi necessario prenotare in anticipo al +34 934 156 548.
  • Il ristorante è chiuso tutte le domeniche e i lunedì.

Quest’articolo ti è piaciuto?

Clicca qui!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars

5,00/5 - 2 voto / voti

Loading...

Condividi questa piccola dritta con gli amici!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

A proposito dell'autore

Valérie

Valérie, la creatrice dei “Piccole Dritte per Barcellona” adora scoprire posti nuovi e inediti, trovare le parole giuste per descriverli e lavorare ai piccoli disegnini che decorano il sito. Qual è la cosa che le piace di più di Barcellona? Le linee sinuose e originali di alcuni edifici. È per il suo lato artistico, direbbero i suoi amici. Gaudì fa proprio al caso suo!