Cronaca di un Erasmus a Barcellona: 10 regole per una convivenza perfetta

Léa
Pubblicato da

Ultimo aggiornamento il 14 novembre, 2018. 0 commenti

Ecco le 10 regole di vita in comune per intenderti alla perfezione con i tuoi coinquilini e approfittare fino in fondo di questa esperienza unica a Barcellona!

frigo convivenza

Sono francese, spagnolo, inglese, danese. Sono come l’Europa, sono tutto questo. Sono il caos. » dice Xavier, protagonista del film culto di Cédric Klapisch “L’appartamento spagnolo”.

Stai per trasferirti per la prima volta in una casa condivisa o sei già un coinquilino rodato? Questo articolo ti darà alcune regole d’oro da seguire.

10-9-8-7-6-5-4-3-2-1: si parte!

Regola n°1: Vivrò un’esperienza internazionale

Barcellona è LA città cosmopolita per eccellenza. Attira persone di tutto il mondo: americani del sud e del nord, canadesi, cinesi, australiani, belgi, polacchi. In un appartamento condiviso scoprirai tante culture diverse! È il vantaggio dell’avere dei coinquilini. Potrai anche perfezionare il tuo inglese – un inglese internazionale più che altro – e il tuo linguaggio del corpo! I gesti saranno un grande aiuto quando non vi verranno in mente le parole.

Regola n°2: Adotterò il ritmo spagnolo

Essendo intrinsecamente multiculturale, la condivisione di un appartamente si adatta bene al ritmo spagnolo. Poiché gli orari sono un po’ sfalsati rispetto all’Italia, la giornata inizia più tardi, senza dover necessariamente fare colazione, e si cena attorno alle 21/22. Il classico bikini (una sorta di toast grigliato) sarà quindi perfetto da mangiare rapidamente a qualsiasi ora!

Regola n° 3: Dividerò il mio frigo

Per maggiore comodità, il frigo è generalmente suddiviso: ogni ripiano è assegnato a un coinquilino. Si stabilisce un fondo cassa comune per i prodotti per la casa di uso quotidiano. Qui quasi tutti bevono l’acqua in bottiglia perché, nonostante sia potabile, l’acqua di rubinetto sa troppo di cloro.

Regola n°4: Organizzerò pasti conviviali

Rivela ai tuoi coinquilini il tuo talento culinario e creativo, sarà certamente apprezzato. Se però la cucina non è il tuo forte, potrai sempre puntare su un buon fuet (salame essiccato catalano da condividere) accompagnato dal pa amb tomàquet (da pronunciare “pam tumacat”) o da un gustoso guacamole in cui tutti affonderanno allegramente i nachos o le verdurine croccanti!

Regola n°5: Uscirò con i miei coinquilini

Approfitta di qualsiasi occasione per organizzare un’uscita con i tuoi coinquilini. Prendi l’iniziativa per una passeggiata domenicale, per visitare una mostra o andare in un bar per guardare la partita di calcio, ad esempio.

Regola n°6: Diventerò tifoso di calcio

Qui il calcio è lo sport nazionale. Durante le partite importanti, le strade si svuotano e tutti i barcellonesi si ritrovano davanti allo schermo (se non proprio al mitico Camp Nou!). Assisterai molto probabilmente a dibattiti infuocati tra i tuoi coinquilini se tiferanno l’uno l’FC Barcelona e l’altro l’Atletico Madrid. In ogni caso, le partite della Liga saranno sempre un momento di forti emozioni!disegno di un pallone da calcio nei colori del Barça

Regola n°7:  Non lascerò in giro i miei vestiti

Si tratta di buon senso, ma una svista può sempre accadere! Quindi se non vuoi che i tuoi coinquilini si ritrovino improvvisamente faccia a faccia con la tua biancheria intima, ricorda sempre di dare un’occhiata al bagno prima di uscire. Per quanto riguarda la pulizia, è semplice: la soluzione più efficace per la pulizia è quella di studiare dei turni assegnando dei compiti settimanali a ognuno.

Regola n°8: Mi mostrerò solidale

Convivere significa innanzitutto condividere uno spazio di vita quotidiana. Dovrete trovare un accordo sulle cose di base come pulire o gettare la spazzatura. A volte significherà anche aprire la porta al coinquilino che ha dimenticato le chiavi o fare la doccia in fretta e furia per permettergli di lavare i denti prima di andare al lavoro!

Regola n°9: Resterò naturale

Essere coinquilini è un’esperienza umana indimenticabile. Nella vita di tutti i giorni potrai imparare a poco a poco a conoscere gli altri e viceversa. Resta quindi te stesso e approfitta fino in fondo di questi momenti di complicità!

Regola n°10: Adotterò un pesce rosso

Anche se l’idea potrebbe sembrare un po’ stramba, perché non trasformare un piccolo pesce rosso nella mascotte della casa? Potrai mostrare un’immaginazione senza limiti nella scelta del nome e ti sentirai meno solo quando l’appartamento sarà vuoto.

pesce rosso in boccia di vetro

Quest’articolo ti è piaciuto?

Clicca qui!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars

5,00/5 - 1 voto / voti

Loading...

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Il nostro modulo per commenti memorizza il vostro nome e la vostra email in modo che possiamo rispondere al vostro commento e inviarvi notifiche quando riceve risposte (se avete optato per ricevere le notifiche). I vostri dati non saranno condivisi o archiviati con terzi e non saranno aggiunti a nessun elenco. Per ulteriori informazioni, potete leggere la nostra Privacy Policy.

  • Responsable: Anakena Internet Services, S.L.
  • Finalità: Gestionare i commenti e inviare notifiche automatiche via email in caso di risposta.
  • Legittimizzazione: Consenso esplicito dell’interessato.
  • Destinatari: I dati non saranno condivisi con terzi, salvo obbligo giuridico o esplicita autorizzazione.
  • Diritti: Diritto di accesso, rettifica, cancellazione, limitazione, portabilità e diritto all’oblio.

Il nostro modulo di contatto invia il vostro nome, email e altri dati forniti al nostro team di supporto in modo che possiamo rispondere alle vostre richieste o mettervi in contatto con i nostri partner specializzati che forniscono il servizio che cercate. I vostri dati non saranno condivisi o archiviati con terzi (eccetto i partner specializzati) e non saranno aggiunti a nessun elenco. Per ulteriori informazioni, potete leggere la nostra Privacy Policy.

  • Finalità: Supporto e contatto con partner specializzati.

A proposito dell'autore

Léa

Léa è una futura giornalista sempre alla ricerca di attività interessanti. Appena arrivata ha subito adottato la "vida loca" e l'atmosfera inebriante della capitale catalana. Si è ance lasciata sedurre dall'architettura sorprendente di una Barcellona cosmopolita, frizzante e imprevedibile che le si addice davvero molto.